Che strana macchina è l’uomo. Gli metti dentro lettere dell’alfabeto, formule matematiche, leggi e doveri e escono favole, risate e sogni. Fabrizio Caramagna

Menu